ATTUALITA'

La fatale challenge di Tik-Tok

Chiara Cerantola

Chi non usa tik tok al giorno d’oggi? Tutti ormai conosciamo Tik Tok l’app realizzata per far sbizzarrire i più giovani e la loro creatività, è talmente popolare da superare Instagram e Facebook, difatti è diventata l’app più scaricata al mondo. Per chi invece non sapesse che cos’è questa applicazione la risposta è semplice: si tratta di un social network che permette ai suoi utenti di realizzare video divertenti, creare nuovi contenuti o reinterpretare delle scene di un film o di una serie tv imitando i propri idoli. La parte fondamentale di Tik Tok sono le challenge (sfide tradotte dall’inglese) esistono quelle normali lanciate dagli influencer , composte da giochi o balletti ma sempre più frequentemente possono diffondersi sfide molto pericolose, come la black out challenge,cioè una gara che porta allo svenimento, queste sfide hanno iniziato a diffondersi soprattutto in questo periodo di lockdown dove i giovani chiusi in casa per la noia diventano molto vulnerabili.

ATTUALITA'

9 consigli da seguire dopo le vacanze

Drenisa Hoxha e Veronica Pontarollo

Durante le feste di Natale sembra impossibile fare a meno del cibo. E dopo le feste può capitare di ritrovarsi con qualche chiletto di troppo, di cui puoi andare benissimo fiero, eh!, ma in caso contrario, niente paura! Segui questi consigli e riuscirai a rimetterti in forma. Sia fisicamente che mentalmente.

ATTUALITA' MUSICA

“Cantare le mie canzoni è uno strumento per veicolare tutto ciò che provo…” Giovanni Caccamo si racconta.

Sofia Pepe ed Elena Vettorello

Vincitore di Sanremo Giovani nel 2015, terzo posto a Sanremo nel 2016, abbiamo incontrato Giovanni Caccamo, durante una pausa della registrazione del suo nuovo album. Siamo emozionate di poter intervistare un giovane e talentuoso cantautore, primo artista in assoluto che viene ospitato nelle colonne de “Il Pelapatate”

ATTUALITA'

Il mondo attraverso Instagram

Veronica Pontarollo

Relativamente non mi sono mai sentita così oppressa da questa pandemia. Lo scorso anno (come tutti) da un giorno all’altro, durante le vacanze di carnevale, annunciano che saremmo stati tutti a casa in quarantena per un tempo indeterminato. E la mia faccia, da perplessa, si è subito riempita di meraviglia quando al cervello è arrivata l’informazione “NON SI VA Più A SCUOLA”.